TIMING

Clicca sul giorno:

<novembre 2017>
lumamegivesado
303112345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930123
45678910

Vedi i prossimi appuntamenti:


Conferenze stampa

Accademia del Profumo

28/11/17, 17:00
Magna Pars - Library Hall, via Forcella 6, Milano

Homi - presentazione

30/11/17, 10:00
DOXA, via Panizza 7, Milano


Convegni

Dialogare con il colore

29/11/17, 14:30
La Triennale, viale Alemagna 6, Milano


Eventi

Rubinia gioielli

23/11/17, 18:30 - 21:30
Store, via Vincenzo Monti 26, Milano

Data on the Runway

24/11/17, 10:00
Launchmetrics Italy, via Santa Radegonda 11, Milano

Antonini Milano

28/11/17, 17:00 - 21:00
Palazzo Borromeo, Sala degli Affreschi, piazza Borromeo 12 - (su invito9, Milano

Stella McCartney | christmas lights

29/11/17, 18:30 - 20:30
via Santo Spirito 3, Milano

SMArathon Onlus

02/12/17, 19:00 - 23:30
Espace d'Hotes, via Privata Scalarini 10, Milano


Mostre / Vernissage

Now is hybrid

24/11/17, 19:00
San Pietro in Atrio, via Odescalchi 3, Como


Presentazioni

Dondup "Iconic"

21/11/17, 19:00 - 21:00
via della Spiga 50, Milano

Parka is an Attitude - breakfast

22/11/17, 10:00 - 12:00
Alessandro Squarzi, via Spartaco 19, Milano

Chicco Open Day

23/11/17, 10:00 - 17:00
AreaPergolesi, via Pergolesi 8, Milano

Belloni / De Silva - cocktail su invito

23/11/17, 18:00 - 21:30
Pescetta Antichità e Decorazione, corso Magenta 96, Milano

Angela Bellomo - aperitivo

30/11/17, 18:00
Atelier , corso Porta Vittoria 31, Milano


Press day

Monica Mazzanti PR

21/11/17, 10:00 - 18:30
piazza Cinque Giornate 6 - scala A (MA.CO.), Milano

Touscé

22/11/17, 10:00 - 14:00
via Tivoli 6, Milano

Fossil

23/11/17, 09:00 - 18:00
Casa Lago, via San Tomaso 6, Milano

Fabio Lissi Jewelry

23/11/17, 10:00 - 18:00
Atelier Fabio Lissi, via Mascheroni 12 ang. via Ariosto, Milano

Plinio Visonà

23/11/17, 10:00 - 18:00
Flagship Store c/o Park Hyatt Buolding, via Mengoni 1 ang. via Grossi, Milano


Sfilate


Opening


Vedi tutti gli appuntamenti

SALONI

I prossimi 10 saloni


Arab Fashion Week

Dubai

15 - 18 nov 2017


Modaprima

Firenze

17 - 17 nov 2017


VicenzaOro January + T-Gold

Vicenza

19 - 24 gen 2018


Scoop

London

28 - 30 gen 2018


Milano Unica

Rho, Milano

06 - 08 feb 2018


Pure London

London

11 - 13 feb 2018


Asia Apparel Expo Berlin

Berlin

22 - 24 feb 2018


The One MIlano

Milano

23 - 26 feb 2018


Si Sposaitalia Collezioni

Milano

06 - 09 apr 2018


Milano Unica

Rho, Milano

10 - 12 lug 2018


Vedi tutti i saloni
Eco-fashion lunedì 10 giugno 2013

 

Milano capitale per un giorno della moda sostenibile

Milano capitale per un giorno della moda sostenibile

 

La moda sostenibile protagonista di uno show e di un convegno - a Milano, presso Palazzo Reale - voluto dalla Commissione europea. A discutere di strategie green esponenti di Gucci, Puma, Marks & Spencer ma anche dell'industria dei detersivi e degli elettrodomestici.

 

Il commissario europeo per l'Azione per il clima, Connie Hedegaard, ha aperto i lavori dell'evento di venerdì - dal titolo "Idee per un mondo come piace a te: come rendere sostenibili i nostri consumi?" - che rientra in un più ampio progetto di sensibilizzazione e diffusione di nuove soluzioni efficaci per la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra dell'80-95% entro il 2050. Un problema che coinvolge anche la moda, visto che ogni anno vengono prodotti nel mondo circa 80 miliardi di capi di abbigliamento e che un chilogrammo di abiti nuovi comporta l'emissione di 25 chili di Co2.

 

Sandrine Dixson-Declève (direttore The Prince of Wales's Eu Coorporate Leaders Group sul cambiamento climatico) ha moderato il dibattito che ha coinvolto non solo esponenti della moda ma anche rappresentanti dell'industria dei detersivi e delle lavatrici. Un terzo delle emissioni di Co2 dell'industria manifatturiera - fashion compreso - riguarda infatti i lavaggi. Anche i singoli consumatori possono contribuire a immettere meno anidride carbonica, prediligendo bucati a 30 gradi. Lo ha proposto Mohamed Samir di Procter & Gamble/Aise (associazione europea dei produttori di saponi e detergenti) presentando la campagna di sensibilizzazione "I prefer 30°", che cerca supporter anche tra produttori e retailer di moda, nonché tra i produttori di lavatrici (che dovranno studiare programmi adeguati).

 

Rossella Ravagli di Gucci ha parlato di sostenibilità sociale ("Uno dei primi asset del brand fiorentino è la salvaguardia della filiera") e ha spiegato che una delle prossime sfide della griffe riguarda l'approvvigionamento delle materie prime. "Cerchiamo - ha spiegato - di mappare i prodotti, in termini di materiali, affinché questi siano meno impattanti: un percorso che ci ha portato, per esempio, a eliminare il Pvc dalle collezioni". L'idea della maison è anche quella di lavorare in team con Ong, istituzioni ambientaliste e università per studiare nuove tecnologie.

 

La filosofia dell'azienda potrebbe quindi essere comunicata al cliente finale con una sorta di passaporto da allegare al prodotto (per ora sperimentato con una capsule di borse in cuoio prodotto da fornitori brasiliani, che non impattano sulla distruzione della foresta amazzonica). I consumatori, che in gran parte non conoscono nemmeno il concetto di sostenibilità ma che forse non restano indifferenti a tragedie come quella degli operai tessili in Bangladesh, potrebbero accettare di buon grado di pagare un "prezzo della sostenibilità", se questo fosse documentato dal produttore. Manifatture e retailer - come è emerso dal dibattito - potrebbero invece fare la loro parte se accettassero di sostituire a un "modello dei volumi" un "modello dei valori". Tuttavia, come hanno obiettato alcuni, la sostenibilità ha un costo e se un impresa è quotata, si riesce a convincere gli azionisti solo garantendo continuità nei profitti.

 

Di certo non si devono pretendere risultati immediati: il percorso della sostenibilità si realizza step by step, come ha testimoniato Giusy Bettoni, fondatrice della eco-piattaforma C.L.A.S.S., che sostiene e promuove prodotti eco-sensibili per moda, casa e design. Alcuni materiali ed eco-fashion brand nel portafoglio di C.L.A.S.S. (come Ventisettebi, nella foto), insieme a label in capo a Nice (Nordic Initiative Clean and Ethical, progetto focalizzato sulla moda green della Nordic Fashion Association, che include anche H&M e Merimekko) hanno sfilato a Palazzo Reale per testimoniare che la moda pulita ed etica può essere anche carica di appeal.

 

e.f.


Invia e-mail

Per trasmettere l'articolo a chi desideri, inserisci il tuo nome, il tuo indirizzo e-mail e quello del destinatario. A chi riceverà l'articolo apparirà il tuo nome e indirizzo e-mail.


Se desideri inviare l'articolo a più persone, inserisci gli indirizzi e-mail di tutti i destinatari separati da una virgola.


Puoi inserire il tuo nome e gli indirizzi e-mail senza timore: non li cederemo a terzi. I dati saranno tenuti riservati nel pieno rispetto della Legge 675/96 sulla Privacy.


Il tuo nome: (*)  
Il tuo indirizzo e-mail: (*)  
E-mail dei destinatari: (*)  
Il Messaggio di accompagnamento: (*)  

 

Newsletter

Iscriviti alla newsletter

Vuoi ricevere la nostra newsletter quotidiana direttamente nella tua casella di posta? Compila il form che trovi qui.

Abbonamenti

Abbonati subito

Per sottoscrivere l’abbonamento a Fashion, clicca qui.

Fashion E-Commerce

Sfoglia l’ultimo numero di Fashion E-Commerce.

Fashion accessories 2017

Sfoglia l’ultimo numero di Fashion accessories 2017.

Fashion Showroom

Sfoglia l’ultimo numero di Fashion Showroom.

Fashion in the City

Sfoglia l’ultimo numero di Fashion in the City.

Guarda le ultime fotogallery

Ultime fotogallery

Guarda le ultime fotogallery pubblicate nelle sezioni Moda, Negozi e People.