TIMING

Clicca sul giorno:

<gennaio 2018>
lumamegivesado
25262728293031
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930311234

Vedi i prossimi appuntamenti:


Conferenze stampa


Convegni


Eventi


Mostre / Vernissage


Presentazioni

Il Gufo

21/01/18, 18:00
Showroom, via Bagutta 12, Milano

Luisa Viola

25/01/18, 11:30
Showroom Miroglio, via Burlamacchi 4, Milano


Press day

Buongiorno Milano - Cinelli, Emma, Scandola

30/01/18, 09:00 - 19:00
Showroom Chance 15, corso Vittorio Emanuele 15, Milano


Sfilate


Opening


Vedi tutti gli appuntamenti

SALONI

I prossimi 10 saloni


VicenzaOro January + T-Gold

Vicenza

19 - 24 gen 2018


Project NY

New York

21 - 23 gen 2018


Mrket NY

New York

21 - 23 gen 2018


Pitti Immagine Filati

Firenze

24 - 26 gen 2018


Jacket Required

London

24 - 25 gen 2018


Homi

Milano

26 - 29 gen 2018


Scoop

London

28 - 30 gen 2018


Kiev Fashion Days

Kiev

31 gen - 04 feb 2018


Momad Metropolis

Madrid

02 - 04 feb 2018


Milano Unica

Rho, Milano

06 - 08 feb 2018


Vedi tutti i saloni
Ceo Roundtable on fashion innovation giovedì 9 novembre 2017

 

Liscia (Netcomm): «E-commerce moda in Italia al +28%, ma è solo l'inizio»

Liscia (Netcomm): «E-commerce moda in Italia al +28%, ma è solo l'inizio»

 

L'e-commerce B2C di moda (abbigliamento, scarpe e accessori) in Italia sembra finalmente pronto a spiccare il volo. Quest'anno dovrebbe riuscire a mettere a segno un aumento del 28%, raggiungendo i 2,5 miliardi di euro di valore e confermandosi tra i settori più in crescita, non solo grazie al lusso ma anche ai segmenti premium e mass.

 

È lo scenario che Netcomm, il consorzio del commercio elettronico italiano, ha illustrato in occasione della Ceo Roundtable di Fashion.

 

«Sono dati incoraggianti, anche se ancora non sufficienti a dichiarare maturo e dinamico il settore nel nostro Paese, dove i modelli di business stanno cambiando rapidamente e dove si profila un mercato tutto all'insegna del comportamento omnicanale» afferma Roberto Liscia, presidente di Netcomm.

 

Durante tutto il 2017 ha tenuto banco il dibattito sugli effetti dell’online sul commercio tradizionale. Il successo dell’e-commerce lo mette alla prova in mercati più maturi come l'Italia, dove le insegne devono progettare efficaci soluzioni ibride online-offline, anche per contrastare il generale calo di accesso nel retail, che da noi ha toccato il 2,7%.

 

«Il mobile in particolare - sottolinea Liscia - sarà alla base dell'esperienza multicanale ed è in questo segmento che le aziende dovranno investire di più. Per convincerle dovrebbero bastare pochi dati: i compratori multidevice acquistano più frequentemente e ormai il 65% dei consumatori raffronta i prezzi sullo smartphone durante gli acquisti in negozio. La percentuale sale al 77% quando di tratta di Millennials».

 

Nonostante i tassi di crescita a doppia cifra e il boom del mobile commerce, che in Usa e Giappone è oltre la metà dell’e-commerce, l'online per il momento non è destinato a superare l'offline.

 

«Secondo le nostre stime nel 2025 - precisa Liscia - l’e-commerce riguarderà comunque solo il 15% delle vendite. Quindi la domanda più importante che devono porsi le aziende è cosa succederà al restante 85%: il retail tradizionale dovrà cambiare pelle, per integrarsi al meglio con il digitale».

 

«Molti nuovi modelli sono in sperimentazione - prosegue -. Occorre tenere conto di tante variabili, per esempio l’omnicanalità del consumatore, gli impatti sulla logistica, il nuovo quadro regolamentare della data protection o degli e-payment».

 

Il settore richiede molti investimenti, ma vendere prodotti in Rete è un patrimonio per le aziende, visto che offre la possibilità di profilare, conoscere e servire i clienti secondo il loro comportamento d’acquisto e di vita, anticipandone i desideri.

 

«La scommessa dell’e-commerce nel lungo termine - conclude Liscia -  è la possibilità di profilare clienti. Altrimenti non ci si spiegherebbe perché tre colossi dello sportswear come Adidas, Asics e Under Armour possano arrivare a investire un miliardo in applicazioni di fitness: è per sapere cosa fa il cliente una volta indossate le loro scarpe».

 

an.bi.


Articoli correlati


Invia e-mail

Per trasmettere l'articolo a chi desideri, inserisci il tuo nome, il tuo indirizzo e-mail e quello del destinatario. A chi riceverà l'articolo apparirà il tuo nome e indirizzo e-mail.


Se desideri inviare l'articolo a più persone, inserisci gli indirizzi e-mail di tutti i destinatari separati da una virgola.


Puoi inserire il tuo nome e gli indirizzi e-mail senza timore: non li cederemo a terzi. I dati saranno tenuti riservati nel pieno rispetto della Legge 675/96 sulla Privacy.


Il tuo nome: (*)  
Il tuo indirizzo e-mail: (*)  
E-mail dei destinatari: (*)  
Il Messaggio di accompagnamento: (*)  

 

Newsletter

Iscriviti alla newsletter

Vuoi ricevere la nostra newsletter quotidiana direttamente nella tua casella di posta? Compila il form che trovi qui.

Abbonamenti

Abbonati subito

Per sottoscrivere l’abbonamento a Fashion, clicca qui.

Fashion E-Commerce

Sfoglia l’ultimo numero di Fashion E-Commerce.

Fashion accessories 2017

Sfoglia l’ultimo numero di Fashion accessories 2017.

Fashion Showroom

Sfoglia l’ultimo numero di Fashion Showroom.

Fashion Fairs 2018

Sfoglia l’ultimo numero di Fashion Fairs 2018.

Guarda le ultime fotogallery

Ultime fotogallery

Guarda le ultime fotogallery pubblicate nelle sezioni Moda, Negozi e People.