TIMING

Clicca sul giorno:

<aprile 2017>
lumamegivesado
272829303112
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
1234567

Vedi i prossimi appuntamenti:


Conferenze stampa

Pitti Immagine Uomo

05/05/17, 10:30
Four Seasons Hotel, via Gesù 8, Milanoù

Il Capriccio e la Ragione - presentazione mostra

12/05/17, 12:00
Museo del Tessuto, via Puccetti 3, Prato


Convegni

Beauty Summit - La rivoluzione nell'industria della cosmetica

04/05/17, 08:30
Palazzo Mezzanotte, piazza Affari 6, Milano

Netcomm Forum

10/05/17, 09:00 - 18:00
MiCo Milano Congressi, via Gattamelata - Gate 14, Milano


Eventi

Chicco di Felicità by Borbonese

03/05/17, 11:00
Showroom Borbonese, via Monte di Pietà 24, Milano

Trussardi - #LovyFighters

09/05/17, 19:00 - 21:00
Palazzo Trussardi, piazza della Scala 5, Milano


Mostre / Vernissage


Presentazioni


Press day

Amo il Lino

03/05/17, 15:00 - 18:00
Montenapoleone VIP Lounge, via Montenapoleone 23, Milano

Pia Bianchi

04/05/17, 09:30 - 18:30
via Verona 9, Milano

Laura Basso & Valentina Rizzotti

04/05/17, 10:00 - 18:30
via Pastrengo 14 (cortile interno), Milano


Sfilate


Opening


Vedi tutti gli appuntamenti

SALONI

I prossimi 10 saloni


Proposte

Cernobbio (Co)

03 - 05 mag 2017


OroArezzo

Arezzo

06 - 09 mag 2017


Accessories Circuit - Intermezzo Collections

New York

07 - 09 mag 2017


Arab Fashion Week

Dubai

16 - 20 mag 2017


Packaging Premiere

Milano

16 - 18 mag 2017


Mapic Italy

Milano

16 - 17 mag 2017


Chibimart

Milano

19 - 22 mag 2017


Modaprima

Firenze

19 - 21 mag 2017


Interbride

Düsseldorf

27 - 30 mag 2017


Interiolifestyle Tokyo

Tokyo

14 - 16 giu 2017


Vedi tutti i saloni
Negli Usa martedì 10 gennaio 2017

 

Trump, Arnault, Jack Ma: primo meeting del presidente protezionista con la moda

Trump, Arnault, Jack Ma: primo meeting del presidente protezionista con la moda

 

Nella fitta agenda di impegni di Donald Trump, un momento dedicato al fashion: ieri 9 gennaio il presidente eletto ha incontrato separatamente il cinese Jack Ma, patron di Alibaba, e il francese Bernard Arnault, capo di Lvmh.

 

Come emerge dai media francesi e americani, all'appuntamento nella Trump Tower Arnault ha annunciato due progetti: l'ampliamento di una fabbrica in California - dettato dal grande successo dei prodotti a marchio Louis Vuitton, da 25 anni prodotti a San Dimas - e la costruzione di un nuovo stabilimento in Carolina o Texas. «Non abbiamo ancora deciso - ha dichiarato il miliardario francese - ma sarà fatto entro breve». Trump avrebbe detto di Bernad Arnault che fa parte «dei grandi uomini».

 

Anche Jack Ma avrebbe ricevuto la sua dose di apprezzamenti alla prospettiva di nuovi investimenti e nuova occupazione negli Usa. Pare che Trump lo abbia definito «uno dei migliori imprenditori al mondo, che ama gli Stati Uniti così come ama la Cina».

 

Della discussione con il fondatore di Alibaba - gigante cinese dell'e-commerce, più volte accusato di vendere prodotti contraffatti sui suoi siti - non si conoscono i dettagli ma si sa che ha riguardato la creazione di un milione di posti di lavoro negli States, grazie alla possibilità, per altrettanti piccoli business locali, di esportare in Asia (prodotti dell'agricoltura ma anche vini e abbigliamento). Jack Ma, uno degli uomoni più ricchi dell'ex Celeste Impero, avrebbe affermato che il presidente eletto è una persona «smart e open-minded» e che le relazioni Usa-Cina dovrebbero essere rafforzate e più amichevoli.

 

Si ricorda in proposito che nella sua campagna per le presidenziali, di netta intonazione protezionistica, Trump aveva minacciato l'imposizione di dazi del 45% sulle importazioni dalla Repubblica Popolare. In dicembre il Pechino Global Times ha invece attaccato il successore di Barack Obama, definendolo «ignorante come un bambino» riguardo la politica estera.

 

Al momento Trump non ha ancora incontrato esponenti dell'industria della moda italiana ma si sa che le preferenze della moglie Melania sono per il made in Italy, di recente sotto i riflettori perché al party di Capodanno, a Palm Beach in Florida, la first lady ha indossato un abito nero firmato Dolce&Gabbana. Stefano Gabbana lo ha postato ringraziando sul suo account Instagram e subito ha diviso i sui follower fra sostenitori e indignati, per via delle frasi razziste e omofobe attribuite a Trump. Tra i fashion designer altri si sono apertamente rifiutati di vestire Melania: tra loro Tom Ford, Marc Jacobs e Derek Lam.

 

e.f.


Invia e-mail

Per trasmettere l'articolo a chi desideri, inserisci il tuo nome, il tuo indirizzo e-mail e quello del destinatario. A chi riceverà l'articolo apparirà il tuo nome e indirizzo e-mail.


Se desideri inviare l'articolo a più persone, inserisci gli indirizzi e-mail di tutti i destinatari separati da una virgola.


Puoi inserire il tuo nome e gli indirizzi e-mail senza timore: non li cederemo a terzi. I dati saranno tenuti riservati nel pieno rispetto della Legge 675/96 sulla Privacy.


Il tuo nome: (*)  
Il tuo indirizzo e-mail: (*)  
E-mail dei destinatari: (*)  
Il Messaggio di accompagnamento: (*)  

 

Newsletter

Iscriviti alla newsletter

Vuoi ricevere la nostra newsletter quotidiana direttamente nella tua casella di posta? Compila il form che trovi qui.

Abbonamenti

Abbonati subito

Per sottoscrivere l’abbonamento a Fashion, clicca qui.

Fashion E-Commerce

Sfoglia l’ultimo numero di Fashion E-Commerce.

Fashion Fairs 2017

Sfoglia l’ultimo numero di Fashion Fairs 2017.

Fashion Showroom

Sfoglia l’ultimo numero di Fashion Showroom.

Fashion in the City

Sfoglia l’ultimo numero di Fashion in the City.

Guarda le ultime fotogallery

Ultime fotogallery

Guarda le ultime fotogallery pubblicate nelle sezioni Moda, Negozi e People.