TIMING

Clicca sul giorno:

<agosto 2017>
lumamegivesado
31123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031123
45678910

Vedi i prossimi appuntamenti:


Conferenze stampa


Convegni


Eventi

Future Vintage Festival 2017

08/09/17, 15:00 - 21:00
Centro Culturale Altinate San Gaetano, via Altinate 71, Padova

Future Vintage Festival 2017

09/09/17, 10:00 - 21:00
Centro Culturale Altinate San Gaetano, via Altinate 71, Padova


Mostre / Vernissage


Presentazioni

DoDo

05/09/17, 09:30 - 16:00
Libreria del Mondo Offeso, piazza San Simpliciano 7, Milano

Faby

05/09/17, 09:30 - 14:00
Sheraton Diana Majestic - Lounge Gazebo, viale Piave 42, Milano

Aragō

13/09/17, 19:30
Fonderia Napoleonica Eugenia, via Thaon de Revel 21, Milano


Press day


Sfilate


Opening


Vedi tutti gli appuntamenti

SALONI

I prossimi 10 saloni


Spinexpo Shanghai

Shanghai

29 - 31 ago 2017


All China Leather Exhibition

Shanghai

30 ago - 01 set 2017


Hong Kong Watch & Clock Fair

Hong Kong

05 - 09 set 2017


Centrestage

Hong Kong

06 - 09 set 2017


Premiere Classe

Paris

08 - 11 set 2017


Who’s Next

Paris

08 - 11 set 2017


Maison & Objet

Paris

08 - 12 set 2017


Fragranze

Firenze

08 - 10 set 2017


Supreme Tracht&Country

Munich

10 - 11 set 2017


Apparel Sourcing

Paris

18 - 21 set 2017


Vedi tutti i saloni
inaugurazione di pitti uomo martedì 10 gennaio 2017

 

Il governo dà fiducia alla moda: +45% di investimenti nel 2017

Il governo dà fiducia alla moda: +45% di investimenti nel 2017

 

Oltre al cauto ottimismo dovuto ai numeri record (1.220 marchi presenti) e ai dati positivi del menswear (il fatturato 2016 del comparto registra un incremento dello 0,9%, a quasi 9 miliardi), il cammino di Pitti Uomo 91 inizia bene: all'inaugurazione della manifestazione a Palazzo Vecchio il governo ha rinnovato l'impegno a sostenere il made in Italy in generale, e la moda italiana in particolare, con un investimento in crescita del 45%.

 

«Il 2017 - ha detto il ministro dello sviluppo economico, Carlo Calenda - sarà un anno difficile anche per la moda italiana: il governo da parte sua ha varato un piano complessivo per il made in Italy per circa 300 milioni di euro, quasi dieci volte in più rispetto alla media degli ultimi anni».

 

«Continueremo a investire e a rafforzare, a patto che si tratti di eventi di assoluta eccellenza - ha precisato - sul modello di quanto abbiamo fatto nelle ultime edizioni per Pitti (lo stanziamento da parte del governo è di circa 550mila euro) e per il Salone del Mobile.

 

L'idea di Calenda è quella di focalizzarsi sulle iniziative che abbiano un valore internazionale. Per quanto riguarda il sistema moda, il ministro ha assicurato che quest'anno il governo metterà sul piatto 36 milioni di euro.

 

Da parte sua, il presidente dell'Ice, Michele Scannavini, ha ribadito che la moda si conferma uno dei settori che il governo supporta di più, «perché siamo convinti che concentrarci su questo comparto abbia effetti a cascata sul made in Italy nella sua totalità».

 

Gaetano Marzotto, presidente di Pitti Immagine, ha voluto ringraziare tutti gli imprenditori (circa 700 le aziende italiane) che ogni sei mesi tornano in Fortezza da Basso: «Investono, creano lavoro e danno un importante contributo per battere la crisi, in un 2017 che si annuncia di notevole incertezza».

 

A Claudio Marenzi, presidente di Smi e di Emi-Ente Moda Italia, il compito di sottolineare l'importanza della sinergia tra le diverse realtà associative e imprenditoriali del settore moda allargato (tessile e abbigliamento, accessori, calzature e occhialeria), che porterà a sincronizzare tutte le fiere in un'unica città (Milano) e negli stessi giorni. «I competitor - ha puntualizzato Marenzi -  non sono in Italia, ma negli altri Paesi».

 

Il sindaco di Firenze, Dario Nardella, da un lato ha precisato come il rapporto tra le manifestazioni di Pitti, la cultura e la città sia sempre inscindibile, mentre dall'altro ha evidenziato il valore di un lavoro comune tra le città italiane, a cominciare da Milano, con cui il capoluogo toscano condivide il titolo di capitale della moda italiana».

 

«Il 29 dicembre scorso - ha rivelato Nardella - io e Beppe Sala ci siamo visti e abbiamo discusso su come dare una mano al progetto di sistema a cui il comparto sta lavorando. Abbiamo deciso di avviare un patto tra Firenze e Milano, per sostenere gli imprenditori della moda» (nell'immagine di NoNamePhoto, Carlo Calenda durante il suo intervento di stamattina).

 

 

an.bi.


Invia e-mail

Per trasmettere l'articolo a chi desideri, inserisci il tuo nome, il tuo indirizzo e-mail e quello del destinatario. A chi riceverà l'articolo apparirà il tuo nome e indirizzo e-mail.


Se desideri inviare l'articolo a più persone, inserisci gli indirizzi e-mail di tutti i destinatari separati da una virgola.


Puoi inserire il tuo nome e gli indirizzi e-mail senza timore: non li cederemo a terzi. I dati saranno tenuti riservati nel pieno rispetto della Legge 675/96 sulla Privacy.


Il tuo nome: (*)  
Il tuo indirizzo e-mail: (*)  
E-mail dei destinatari: (*)  
Il Messaggio di accompagnamento: (*)  

 

Newsletter

Iscriviti alla newsletter

Vuoi ricevere la nostra newsletter quotidiana direttamente nella tua casella di posta? Compila il form che trovi qui.

Abbonamenti

Abbonati subito

Per sottoscrivere l’abbonamento a Fashion, clicca qui.

Fashion E-Commerce

Sfoglia l’ultimo numero di Fashion E-Commerce.

Fashion Fairs 2017

Sfoglia l’ultimo numero di Fashion Fairs 2017.

Fashion Showroom

Sfoglia l’ultimo numero di Fashion Showroom.

Fashion in the City

Sfoglia l’ultimo numero di Fashion in the City.

Guarda le ultime fotogallery

Ultime fotogallery

Guarda le ultime fotogallery pubblicate nelle sezioni Moda, Negozi e People.