TIMING

Clicca sul giorno:

<gennaio 2017>
lumamegivesado
2627282930311
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
303112345

Vedi i prossimi appuntamenti:


Conferenze stampa

“La Ricerca del quotidiano” premiazione contest QVC

25/01/17, 11:00
Spazio Oberdan , viale Vittorio Veneto 2 , Milano


Convegni


Eventi

Zip Zone Collective Designers’ Exhibition

03/03/17, 10:00 - 19:00
Normandy Hotel, 7, rue de L’Echelle - 256, rue Saint Honoré, Paris

Zip Zone Collective Designers’ Exhibition

06/03/17, 10:00 - 16:00
Normandy Hotel, 7, rue de L’Echelle - 256, rue Saint Honoré, Paris


Mostre / Vernissage


Presentazioni


Press day

Vilebrequin

24/01/17, 10:00 - 18:30
Casa Ranieri Tenti, via Borgonuovo 12, Milano

Floreiza

26/01/17, 10:00 - 21:00
Studio Fanfani, viale Abruzzi 72, Milano

Hamilton

07/02/17, 09:00 - 17:30
Pisa Orologeria, via Verri 7, Milano


Sfilate


Opening


Vedi tutti gli appuntamenti

SALONI

I prossimi 10 saloni


Texworld USA

New York

23 gen 2016 - 25 gen 2017


Pitti Immagine Bimbo

Firenze

19 - 21 gen 2017


Who’s Next

Paris

20 - 23 gen 2017


Premiere Classe

Paris

20 - 23 gen 2017


Bijorhca

Paris

20 - 23 gen 2017


VicenzaOro January + T-Gold

Vicenza

20 - 25 gen 2017


Maison & Objet

Paris

20 - 24 gen 2017


Salon International de la Lingerie

Paris

21 - 23 gen 2017


Interfiliere

Paris

21 - 23 gen 2017


Tracht & Country Premiere

Salzburg

24 - 25 gen 2017


Vedi tutti i saloni
Scenari mercoledì 23 novembre 2016

 

Bangladesh: il denim apripista per una produzione sostenibile

Bangladesh: il denim apripista per una produzione sostenibile

 

I produttori di denim in Bangladesh fanno progressi in termini di sostenibilità e creatività. Lo dimostra il record di presenze alla recente edizione della Bangladesh Denim Expo di Dhaka. Un'affluenza che si spiega con il rilievo del settore Ready Made Garment nella nazione, secondo più grande esportatore nel mondo per il comparto.

 

Nello specifico, per il mercato Ue il Bangladesh si classifica davanti alla Cina, con il 25,9% di market share nel 2015, mentre per gli Stati Uniti occupa la seconda posizione complessiva, con l'11,35% di market share. Alla voce denim sono 30 le realtà produttive della nazione che incontrano circa il 60% della domanda domestica di tessuti, con l'export che cresce costantemente dal 2010, come ha rivelato Mostafiz Uddin, fondatore e ceo della rassegna, al Dhaka Tribune.

 

I numeri del salone parlano chiaro: 5mila visitatori rispetto ai 4.165 dell'edizione precedente e 55 espositori in confronto ai 49 di aprile scorso. Anche se non sono i soli a rendere l'idea del ruolo della manifestazione, che ha visto la presenza di importanti buyer, rappresentanti di marchi noti, ceo, responsabili acquisti, produttori, merchandiser e denim influencer, in arrivo da Stati Uniti, Regno Unito, Italia, Germania, Francia, Spagna, Egitto, Belgio, Cina.

 

Focus della quinta edizione della rassegna - che ha portato in primo piano l’intera filiera di valore del denim, dal tessuto ai lavaggi - è stato il “Natural Denim”: una virata decisa verso la responsabilità e la sostenibilità, suffragata da eventi di dimostrazione dal vivo focalizzati sulle tecniche di tintura indaco naturali e sull'utilizzo di telai a mano per il denim selvedge e lo scraping manuale. Eco-sostenibili anche gli stand, molti dei quali realizzati in bamboo.

 

«Il Bangladesh è il secondo più grande esportatore al mondo nel settore Ready Made Garment e sta diventando uno dei più importanti player emergenti nel mercato internazionale - ha dichiarato l'ambasciatore svedese nella anzione asiatica, Johan Frisell, special guest alla cerimonia di inaugurazione -. Inoltre sarà presto annoverato fra i Paesi a medio reddito, accrescendo così l’accesso di nuovi consumatori al mercato. Per questo è necessario che gli imprenditori del settore elaborino nuovi piani d’azione rivolti a quest'area».

 

Fra le tematiche emerse durante Bangladesh Denim Expo, l’urgenza per il Paese di stabilire negoziati e partnership bilaterali con i mercati maggiori come Europa, Canada e Stati Uniti; la necessità di continuare i percorsi, già avviati in anni recenti, di miglioramento della sicurezza nelle fabbriche; il bisogno di pensare a un prodotto che possa essere socialmente e ambientalmente responsabile, per creare una catena di valore unica nel Paese.

 

c.me.


Invia e-mail

Per trasmettere l'articolo a chi desideri, inserisci il tuo nome, il tuo indirizzo e-mail e quello del destinatario. A chi riceverà l'articolo apparirà il tuo nome e indirizzo e-mail.


Se desideri inviare l'articolo a più persone, inserisci gli indirizzi e-mail di tutti i destinatari separati da una virgola.


Puoi inserire il tuo nome e gli indirizzi e-mail senza timore: non li cederemo a terzi. I dati saranno tenuti riservati nel pieno rispetto della Legge 675/96 sulla Privacy.


Il tuo nome: (*)  
Il tuo indirizzo e-mail: (*)  
E-mail dei destinatari: (*)  
Il Messaggio di accompagnamento: (*)  

 

Newsletter

Iscriviti alla newsletter

Vuoi ricevere la nostra newsletter quotidiana direttamente nella tua casella di posta? Compila il form che trovi qui.

Abbonamenti

Abbonati subito

Per sottoscrivere l’abbonamento a Fashion, clicca qui.

Fashion E-Commerce

Sfoglia l’ultimo numero di Fashion E-Commerce.

Fashion Fairs 2017

Sfoglia l’ultimo numero di Fashion Fairs 2017.

Fashion Showroom

Sfoglia l’ultimo numero di Fashion Showroom.

Fashion Icons

Sfoglia l’ultimo numero di Fashion Icons.

Scrivi al direttore

Email al Direttore

Se hai qualcosa da segnalare o da comunicare mediante il nostro giornale, scrivici a emailaldirettore@fashionmagazine.it.

Guarda le ultime fotogallery

Ultime fotogallery

Guarda le ultime fotogallery pubblicate nelle sezioni Moda, Negozi e People.