TIMING

Clicca sul giorno:

<gennaio 2017>
lumamegivesado
2627282930311
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
303112345

Vedi i prossimi appuntamenti:


Conferenze stampa

“La Ricerca del quotidiano” premiazione contest QVC

25/01/17, 11:00
Spazio Oberdan , viale Vittorio Veneto 2 , Milano


Convegni


Eventi

Zip Zone Collective Designers’ Exhibition

03/03/17, 10:00 - 19:00
Normandy Hotel, 7, rue de L’Echelle - 256, rue Saint Honoré, Paris

Zip Zone Collective Designers’ Exhibition

06/03/17, 10:00 - 16:00
Normandy Hotel, 7, rue de L’Echelle - 256, rue Saint Honoré, Paris


Mostre / Vernissage


Presentazioni


Press day

Vilebrequin

24/01/17, 10:00 - 18:30
Casa Ranieri Tenti, via Borgonuovo 12, Milano

Floreiza

26/01/17, 10:00 - 21:00
Studio Fanfani, viale Abruzzi 72, Milano

Hamilton

07/02/17, 09:00 - 17:30
Pisa Orologeria, via Verri 7, Milano


Sfilate


Opening


Vedi tutti gli appuntamenti

SALONI

I prossimi 10 saloni


Texworld USA

New York

23 gen 2016 - 25 gen 2017


Pitti Immagine Bimbo

Firenze

19 - 21 gen 2017


Who’s Next

Paris

20 - 23 gen 2017


Premiere Classe

Paris

20 - 23 gen 2017


Bijorhca

Paris

20 - 23 gen 2017


VicenzaOro January + T-Gold

Vicenza

20 - 25 gen 2017


Maison & Objet

Paris

20 - 24 gen 2017


Salon International de la Lingerie

Paris

21 - 23 gen 2017


Interfiliere

Paris

21 - 23 gen 2017


Tracht & Country Premiere

Salzburg

24 - 25 gen 2017


Vedi tutti i saloni
Commercio internazionale lunedì 29 agosto 2016

 

Ttip: per il vicecancelliere tedesco Gabriel è al capolinea

Ttip: per il vicecancelliere tedesco Gabriel è al capolinea

 

Il Ttip - il trattato di libero scambio dal 2013 in discussione tra Europa e Stati Uniti e auspicato dalla moda italiana - sarebbe ormai fallito. Lo sostiene Sigmar Gabriel (nella foto), vicecancelliere e ministro dell’Economia della Germania.

 

«Secondo me - ha dichiarato Gabriel - i negoziati con gli Usa sono di fatto falliti, anche se nessuno lo ammette realmente». Come riporta Associated Press, il vice-chancellor tedesco ha fatto riferimento ai 14 round di colloqui (il più recente si è tenuto a metà luglio), durante i quali ancora non si è trovato l’accordo su nemmeno uno dei punti nei 27 capitoli in discussione. «Non dobbiamo sottometterci alle richieste americane», ha aggiunto.

 

Al momento le dichiarazioni di Gabriel - che non è direttamente coinvolto nei negoziati con Washington ed è capo del partito socialdemocratico tedesco Spd (di centro-sinistra) - non trovano conferme a livello istituzionale e secondo alcuni media sarebbero legate più a questioni politiche interne, che a voci di un imminente annuncio di fallimento.

 

Si parla infatti di proteste contro il Ttip in calendario il prossimo 17 settembre, dove Sigmar Gabriel potrebbe scendere in piazza per ottenere consensi in vista delle prossime elezioni tedesche (lo scorso mese il cancelliere Angela Merkel ha detto che il Ttip è «assolutamente nell'interesse dell'Europa »).

 

A dire il vero anche negli States si parla da tempo di un possibile nulla di fatto. Un accordo entro il 2016, prima del termine della presidenza Obama, è visto da più parti come improbabile. Inoltre, i possibili successori Donald Trump e Hillary Clinton pare siano contrari a un accordo Usa-Ue, almeno allo stato attuale delle trattative.

 

Al 90esimo Pitti Uomo, lo scorso giugno, il ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda, auspicando il raggiungimento di un'intesa in tempi brevi, ha parlato del Ttip come di un'opportunità per l'Italia, «in particolare quella della moda, che beneficerebbe della diffusione dei prodotti italiani in ampie parti degli Usa».

 

In quella stessa occasione Vincenzo Boccia, neopresidente di Confindustria, ha affermato: «Il Ttip e l’accordo di libero scambio tra Europa e Canada sono nell’interesse del Paese e noi faremo tutto il possibile, caro ministro, nell’aiutarla in questo percorso».

 

«La posizione del ministro Calenda, che chiede fermamente una chiusura e una ratifica in tempi brevi di entrambi gli accordi è condivisibile, e auspichiamo che si passi dalle parole ai fatti nel più breve tempo possibile», ha affermato a Firenze il presidente di Smi-Sistema Moda Italia, Claudio Marenzi.

 

In occasione della scorsa assemblea dell'associazione guidata da Marenzi, Ivan Scalfarotto, sottosegretario al ministero dello Sviluppo Economico, ha ribadito: «Porterebbe vantaggi enormi. I nostri standard non saranno abbassati. La vedo come un'occasione per le imprese e i consumatori».

 

Per capirne di più bisognerà forse attendere la riunione di settembre del Consiglio europeo a Bratislava.

 

e.f.


Articoli correlati


Invia e-mail

Per trasmettere l'articolo a chi desideri, inserisci il tuo nome, il tuo indirizzo e-mail e quello del destinatario. A chi riceverà l'articolo apparirà il tuo nome e indirizzo e-mail.


Se desideri inviare l'articolo a più persone, inserisci gli indirizzi e-mail di tutti i destinatari separati da una virgola.


Puoi inserire il tuo nome e gli indirizzi e-mail senza timore: non li cederemo a terzi. I dati saranno tenuti riservati nel pieno rispetto della Legge 675/96 sulla Privacy.


Il tuo nome: (*)  
Il tuo indirizzo e-mail: (*)  
E-mail dei destinatari: (*)  
Il Messaggio di accompagnamento: (*)  

 

Newsletter

Iscriviti alla newsletter

Vuoi ricevere la nostra newsletter quotidiana direttamente nella tua casella di posta? Compila il form che trovi qui.

Abbonamenti

Abbonati subito

Per sottoscrivere l’abbonamento a Fashion, clicca qui.

Fashion E-Commerce

Sfoglia l’ultimo numero di Fashion E-Commerce.

Fashion Fairs 2017

Sfoglia l’ultimo numero di Fashion Fairs 2017.

Fashion Showroom

Sfoglia l’ultimo numero di Fashion Showroom.

Fashion Icons

Sfoglia l’ultimo numero di Fashion Icons.

Scrivi al direttore

Email al Direttore

Se hai qualcosa da segnalare o da comunicare mediante il nostro giornale, scrivici a emailaldirettore@fashionmagazine.it.

Guarda le ultime fotogallery

Ultime fotogallery

Guarda le ultime fotogallery pubblicate nelle sezioni Moda, Negozi e People.